venerdì 11 novembre 2011

Polpo alla catalana (PV)

Oggi è venerdì, giornata di pesata settimanale ed io con somma gioia ho archiviato altri 800gr questa settimana!!! (per un totale di 14 kg persi... I LOVE DUKAN!)
Quindi stasera si festeggia con una succulenta cena a base di pesce...

L'antipasto sarà uno sfizioso polpo alla catalana, che io preparo velocissimamente in questo modo:
Ingredienti
1 polpo crudo di circa 1kg
2 grossi pomodori rossi e sodi
1/2 cipolla
2 limoni
prezzemolo
3 cucchiaini di olio di oliva (autorizzati)

Mettere il polpo, ben lavato, in una casseruola con acqua sio a coprirlo a filo. Accendere il fuoco a fiamma bassa e cuocere epr 45 minuti dopo il bollore.
Nel frattempo, tagliare i pomodori a pezzi piccoli e la cipolla a rondelline sottili. Spremere il succo dei due limoni e tritare il prezzemolo con la mezzaluna.
Quando il polpo è cotto, scolarlo immediatamente dalla sua acqua (per evitare che crei una patina gelatinosa) e tagliarlo a pezzettoni.

In una bella ciotola mettere il polpo, irrorare con il limone e aggiungere i pomodori, le cipolle e il prezzemolo. Aggiungere i 3 cucchiaini di olio, mescolare bene il tutto e lasciare a riposare per un paio di orette in modo che si insaporisca.
Servire a temperatura ambiente
eccolo qui

2 commenti:

Davide ha detto...

Il polipo DEVE ASSOLUTAMENTE esser lasciato raffreddare nella sua acqua di cottura: durante questa fase infatti perde tantissimi succhi (che danno sapore), che possono però esse riassorbiti se lasciato raffreddare nell'acqua di cottura! Sarà più saporito e più tenero perché meno secco. Inoltre,more il polpo, meglio usare la pentola a pressione!
Buon appetito!

Sballi ha detto...

Davide, mi spiace ma non sono d'accordo con il metodo di cottura indicato....lasciando il Polpo nella sua acqua viene a crearsi una patina gelatinosa che a me disgusta molto...
Se il polpo è fresco e viene ben cotto ti assicuro che rimane tenerissimo!
peraltro un vecchio detto ricorda che "il polpo si cuoce nell'acqua sua stessa" ....ovvero non andrebbe immmerso, men che meno in pentola a pressione!
ma ovviamente ognuno ha le sue abitudini culinarie!
Grazie mille per il tuo commento!